Sale giochi, sale scommesse, sale bingo: dal 1° maggio entrate senza Green Pass. Si discute sulle mascherine

C’è molta attesa per il Consiglio dei Ministri di domani per quanto riguarda l’utilizzo delle mascherine al chiuso. Ma maggio segnerà una svolta anche per quanto riguarda l’utilizzo del Green Pass.

Per ciò che concerne le mascherine, è comunque ancora dibattito aperto se continuare ad utilizzarle nei luoghi al chiuso e nel trasporto pubblico.

Per quanto riguarda il settore del gioco pubblico, dal 1° maggio non sarà più necessario esibire il Super Green Pass nelle sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò. Lo stop alla certificazione verde riguarderà anche bar, ristoranti, cinema, teatri, eventi sportivi, centri benessere, attività sportive al chiuso (negli spogliatoi), convegni, congressi, etc.

 

Per quanto riguarda i lavoratori del settore privato, tra cui anche le sale di gioco pubblico, l’obbligatorietà dell’uso della mascherina al chiuso si dovrebbe lasciare spazio alla discrezionalità del datore di lavoro di decidere se far indossare o meno la mascherina ai lavoratori.

L’eventuale proroga dell’utilizzo della mascherina, ha sottolineato Sileri, sottosegretario alla Salute: “sarebbe di qualche settimana, in assenza di cambiamenti della situazione epidemiologica. Ad ogni modo prevedo un’estate senza l’utilizzo delle mascherine“. sb/AGIMEG