Avv. Agnello (legale Stanleybet) ad Agimeg: “A Vibo Valentia i ctd Stanleybet sempre assolti perché il bookmaker è stato ostacolato nell’accesso a sistema concessorio”

“A Vibo Valentia, il Tribunale del Riesame e i giudici monocratici, hanno sempre dissequestrato e assolto i ctd collegati a bookmaker esteri ostacolati nell’accesso al sistema concessorio, laddove viene dimostrata la violazione dei principi comunitari”. E’ quanto ha dichiarato ad Agimeg l’avvocato Daniela Agnello, legale di Stanelybet, commentando la sentenza del Tribunale di Vibo Valentia, che ha assolto il titolare di un ctd, accusato del reato di esercizio abusivo di attività dei trasmissione dati per via telematica di scommesse sportive. “Stanleybet ha ottenuto numerosi casi di assoluzione e dissequestro negli ultimi 14 anni a Vibo Valentia, questo è solo l’ultimo in ordine di tempo, anche se non riguarda un nostro ctd. A seguito delle gare, sia Bersani che Monti, ci sono sempre stati provvedimenti favorevoli di assoluzione con formula piena perché il fatto contestato non sussiste, con conseguente dissequestro del locale e di tutto il materiale informatico. Il Tribunale ha sempre disapplicato la sanzione penale per la prevalenza del diritto eurounitario così come interpretato dalle diverse sentenze della Corte di Giustizia che hanno esaminato l’operatività dei centri StanleyBet e hanno riconosciuto il contrasto con la normativa italiana”, ha concluso l’avvocato Agnello. cr/AGIMEG

 
1

Offerta da RiComputer

Promo Centro Scommesse
Pc Desktop I3-2120 Ram 4GB DDR3 HDD 320GB a soli €99,00

Processore Intel® Core™ i3-2120
3 MB di cache, 3,30 GHZ
Socket LGA1155
Chipset Intel Q75 Express
RAM 4GB DDR3
HDD 320GB

Promo Centro Scommesse
Il pc Desktop può essere di marca: Lenovo,Fujitsu,Dell,Hp,ecc parliamo di solo ed esclusivamente prodotti Business.

Possibilità di personalizzare la configurazione con aumento della Ram oppure aggiungendo un ssd.

1
Continua la lettura di “Offerta da RiComputer”

Operazione “Galassia”: tribunale d’appello di Malta annulla estradizione di Antonio Ricci, che torna in libertà

Il tribunale d’appello di Malta ha annullato l’estradizione di Antonio Ricci, manager del gioco online, arrestato a fine aprile con l’accusa di far parte di un’associazione criminale che faceva affari nelle scommesse nell’ambito dell’operazione “Galassia”, condotta dalla Guardia di finanza tra Calabria, Sicilia e Puglia. Il giudice ha chiarito che l’uomo era ricercato nell’ambito di “indagini” e non a seguito di reati dimostrati, ed inoltre ha ritenuto che la documentazione derivata dalle indagini delle autorità italiane fosse “non chiara e talvolta confusa e contraddittoria”. lp/AGIMEG

1

Campania, Distante (Sapar): “Proposta di legge sul gioco presentata dai consiglieri regionali del M5S, anacronistica”

“La proposta di legge presentata dai consiglieri regionali del M5S della Regione Campania dimostra, diversamente da quanto accaduto in altre Regioni come Puglia, Abruzzo, Molise e Liguria, una evidente miopia politica e la scarsissima  lungimiranza nella proposizione di provvedimenti legislativi in materia di contrasto alle ludopatie”.  Lo dichiara il presidente nazionale Sapar, Domenico Distante. “Non ci sorprende il fatto che l’articolato, accompagnato da una relazione in cui  emergono abnormi imprecisioni in termini di spesa, viaggi sul solco dell’inutile applicazione delle distanze minime (c.d. distanziometro) e degli orari di apertura. Ancora più sconvolgente l’idea del M5S campano di estendere illogici divieti e restrizioni ad apparecchi di puro intrattenimento,  cancellando in toto l’aspetto ludico del gioco, non affrontando in modo apprezzabile e condiviso con le associazioni di settore quello ludopatico che sembra, ma solo nelle mere enunciazioni, uno dei principali temi che tocca la sensibilità spicciola del M5S il quale costruisce le sue idee di governo su teorie seguite esclusivamente dall’inasprimento fiscale nei confronti degli operatori del settore pur di far cassa. La proposta di regolamentazione delle attività di gioco della Regione Campania, così come articolata,  ripropone banalmente misure di contrasto anacronistiche e inefficaci  il cui unico effetto è quello di polverizzare l’attività di piccole e medie imprese e di bruciare migliaia di posti di lavoro.  In altre regioni d’Italia gli amministratori se ne sono accorti anzitempo, prima di provocare danni all’economia del territorio, accettando responsabilmente la linea di mediazione e di collaborazione individuando soluzioni non traumatiche nell’interesse collettivo, ovvero del cittadino, delle piccole e medie imprese e dei lavoratori. Ciò che non sorprende più è la pervicacia che il M5S mostra nel sostenere l’insostenibile riportando falsamente, a compendio della proposta di legge, una relazione con dati e percentuali sul gioco legittimo per nulla realistica che non trova alcun riscontro  in termini di spesa dei campani in materia di gioco.

1
Continua la lettura di “Campania, Distante (Sapar): “Proposta di legge sul gioco presentata dai consiglieri regionali del M5S, anacronistica””